Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca Qui per ulteriori informazioni.

Allegato B al Regolamento di Istituto

(Versione pdf

 

            

AMBITO TERRITORIALE CAMPANIA -0018-

  IC2 “CASTALDO-NOSENGO”- Scuola ad indirizzo musicale-

                          Via Ciampa , 19 – 80021- AFRAGOLA - NA  TEL. 081/8602444 -FAX 8602444

Codice Meccanografico NAIC8DQ002 – C. F. 80104500634 – E mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

E mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Sito Web: www.ic2castaldo-nosengo.gov

 

PATTO DI EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ A.S. 2018/2019

(Art. 3 D. P. R. 21 novembre 2007, n. 235)

 

 

Prot. n 4824/ 6.2.p                                                                                                                                           Afragola, 26/09/2018

 

La scuola è il luogo di promozione e di educazione mediante lo studio, l’acquisizione delle conoscenze e lo sviluppo della coscienza civile.

La scuola è una comunità di dialogo, di ricerca, di esperienza sociale, informata ai valori democratici e volta alla crescita della persona in tutte le sue dimensioni. In essa ognuno, con pari dignità e nella diversità dei ruoli, opera per garantire la formazione alla cittadinanza, alla realizzazione del diritto allo studio e lo sviluppo delle potenzialità di ciascuno (art. 1, commi 1 e 2 del D.P.R. 249/98).

Il Patto Educativo di Corresponsabilità, è lo strumento col quale l’istituzione scolastica autonoma, gli studenti e le famiglie assumono impegni, responsabilità e condividono regole.

Sottoscrivendo il Patto di Corresponsabilità Dirigente Scolastico, docenti e personale ATA, relativamente al proprio ruolo, riconoscono la propria azione educativa volta a garantire ad ogni studente il diritto ad una formazione culturale e professionale qualificata, rammentano il proprio dovere di vigilanza degli alunni in tutti gli spazi scolastici e l’esigenza di tempestiva segnalazione alle Autorità competenti di eventuali infrazioni da essi commesse (episodi di bullismo, ingiustificate assenze prolungate, ingiustificati ritardi ripetuti ..).

I genitori, i naturali destinatari del patto educativo, sottoscrivendolo all’atto dell’iscrizione, sono richiamati alla loro RESPONSABILITÀ EDUCATIVA, come sancito anche dal Codice civile (art. 2948 in relazione all’art. 147 1°, 2° comma e Cass. Sez. III 21-09-2000 n°12.501/e/26 11-1998).

Il Ministero sottolinea in modo particolare il riferimento alla responsabilità civile che può insorgere a carico dei genitori, soprattutto in presenza di gravi episodi di violenza, di bullismo o di vandalismo, per eventuali danni causati dai figli a persone o cose durante il periodo di svolgimento delle attività didattiche. Il Ministero inoltre ritiene opportuno far presente che i genitorI, in sede di giudizio civile, potranno essere ritenuti direttamente responsabili dell’accaduto anche a prescindere dalla sottoscrizione del Patto di Corresponsabilità, ove venga dimostrato che non abbiano impartito ai figli un’educazione adeguata a prevenire comportamenti illeciti.

Tale responsabilità, riconducibile ad una “culpa in educando”, potrà concorrere con le gravi responsabilità che possono configurarsi anche a carico del personale scolastico, per “culpa in vigilando”, ove sia stato omesso il necessario e fondamentale dovere di sorveglianza nei confronti degli studenti.

Questa Istituzione Scolastica propone il seguente Patto educativo di corresponsabilità finalizzato a definire in maniera puntuale e condivisa diritti e doveri nel rapporto tra istituzione scolastica autonoma, famiglie e studenti.

 

Impegno dell'istituzione scolastica a:

  • presentare in modo chiaro il Piano dell'Offerta Formativa della scuola;
  • orientare e monitorare l’organizzazione scolastica, motivare e valorizzare il personale, attivare relazioni efficaci con studenti, famiglie territorio;
  • cogliere le esigenze formative degli studenti e della comunità in cui la scuola opera, per ricercare risposte adeguate e offrire iniziative concrete per il recupero di situazioni di ritardo, di svantaggio, al fine di favorire il successo formativo e combattere la dispersione scolastica oltre a promuovere il merito e incentivare le situazioni di eccellenza;
  • promuovere un clima sereno, garantendo e favorendo il dialogo, la collaborazione e il rispetto tra le diverse componenti della comunità scolastica;
  • Favorire la piena integrazione degli studenti diversamente abili, promuovere iniziative di accoglienza e integrazione degli studenti stranieri, stimolare riflessioni e attivare percorsi volti al benessere e alla salute degli Rafforzare le azioni sinergiche tra scuola, enti locali e organizzazioni sociali, forze dell’ordine e magistratura minorile;
  • Individuare come inadempienti gli studenti/studentesse che per un massimo di 5 giorni consecutivi si siano assentati senza una giustificazione valida o che abbiano cumulato 10 giorni di assenze saltuarie dall’inizio dell’anno scolastico;
  • Segnalare alla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei minori, trascorsi i 30 giorni di segnalazione all’ente locale, le assenze ingiustificate, anche in assenza di riscontri dal servizio sociale;
  • Adottare strategie pedagogiche-educative per gli inadempienti;
  • Segnalare all’ente locale i casi di disagio gravi di minori a rischio violenza,  e/o elusione dell’obbligo scolastico.

I docenti si impegnano a:

  • cooperare al buon funzionamento dell’Istituto;
  • sviluppare la propria azione didattica nel più scrupoloso rispetto dei contenuti del P.O.F. di Istituto;
  • rispettare l'orario di lavoro, essere precisi negli adempimenti previsti dalla scuola, giustificare le assenze, annotare eventuali ritardi;
  • creare le condizioni per realizzare un clima scolastico positivo fondato sul dialogo e sul rispetto reciproco delle varie componenti scolastiche;
  • rispettare gli alunni, le famiglie e il personale della scuola;
  • educare al rispetto di sé, delle cose e degli altri, cercando di prevenire qualsiasi forma di pregiudizio, emarginazione ed episodi di bullismo;
  • favorire la capacità di iniziativa, di decisione e di assunzione di responsabilità;
  • favorire l’uguaglianza e l’integrazione scolastica di tutti gli alunni;
  • essere attenti nella sorveglianza degli studenti loro affidati durante le attività didattiche, scolastiche ed extrascolastiche programmate;
  • informare studenti e genitori della propria azione educativa e del livello di apprendimento degli studenti;
  • seguire gli alunni nel loro lavoro e attivare strategie di recupero e di rinforzo in caso di difficoltà e di potenziamento;
  • esplicitare le strategie, gli strumenti di verifica e i criteri di valutazione;
  • comunicare a studenti e genitori con chiarezza i risultati delle verifiche scritte, orali e di laboratorio;
  • assicurare agli alunni un congruo ed adeguato numero di verifiche, orali e scritte, distribuite in modo opportuno nel corso dei quadrimestre;
  • correggere e consegnare i compiti entro 15 giorni e, comunque, prima della prova successiva;
  • lavorare in modo collegiale con i colleghi dei consigli di classe e l’intero corpo docente della scuola, contribuendo all’individuazione di comuni strategie di intervento;
  • incontrare i genitori negli incontri istituzionali, o qualora sorgessero esigenze particolari;
  • fare rispettare le regole di classe stabilite dagli organi competenti;
  • rispettare il segreto d'ufficio nei casi e nei modi previsti dalle norme vigenti;
  • non usare il cellulare durante lo svolgimento delle proprie funzioni, avere cura dei locali, mobili, oggetti, macchinari e strumenti a lui affidati;
  • accertare che le assenze siano dovute esclusivamente a cause di forza maggiore;
  • rilevare i segnali deboli predittivi di fattori di disagio con conseguente rischio  di evasione dell’obbligo scolastico e comunicarli al Dirigente scolastico;

Il personale non docente si impegna a:

  • conoscere l’Offerta Formativa della scuola e collaborare a realizzarla, per quanto di competenza;

  • essere puntuale e svolgere con precisione il lavoro assegnato;

  • trattare con cortesia e disponibilità l’utenza, il personale dell’Istituto e la comunità locale;

  • garantire il necessario supporto alle attività didattiche ed alla vigilanza, con puntualità e diligenza;

  • segnalare ai docenti e al Dirigente Scolastico e al DSGA eventuali problemi rilevati in ambito scolastico;

  • rispettare la privacy.

L’ alunno della scuola dell’infanzia ( con l’aiuto di insegnanti e genitori) si impegna a:

  • rispettare la scuola intesa come insieme di persone, ambienti e attrezzature;
  • rispettare adulti e compagni;
  • aiutare gli altri e i diversi da sé;
  • avere cura degli ambienti scolastici;
  • assumere comportamenti sempre più responsabili in modo da non compromettere la propria e la altrui
  • usare correttamente i materiali e le attrezzature seguendo le indicazioni e le istruzioni impartite dai docenti della sezione;
 L’ alunno della Scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado si impegna a:  
  • prendere coscienza dei personali diritti e doveri (Statuto delle studentesse e degli studenti) e a rispettare persone, ambienti e attrezzature;
  • considerare la scuola come un dovere importante;
  • riferire in famiglia le comunicazioni provenienti dalla scuola e dagli insegnanti;
  • riconoscere le regole nei diversi ambienti (scuola, strada, museo, autobus…) e assumere comportamenti adeguati;
  • favorire il rapporto e il rispetto tra i compagni con particolare attenzione all’accoglienza e all’aiuto dei compagni stranieri e diversamente abili;
  • essere puntuali alle lezioni e frequentarle con regolarità, limitare le uscite anticipate e gli ingressi posticipati;
  • giustificare le assenze attraverso il libretto personale in modo repentino al rientro a scuola;
  • svolgere con doveroso impegno il lavoro assegnato, sia a casa che a scuola;
  • favorire in modo positivo lo svolgimento delle lezioni, prestando attenzione, partecipando e intervenendo in modo ordinato e pertinente;
  • non utilizzare il cellulare durante le lezioni;
  • osservare le disposizioni organizzative e di sicurezza dettate dai regolamenti d’istituto;
  • utilizzare correttamente le strutture, le attrezzature e i sussidi didattici e comportarsi nella vita scolastica in modo da non arrecare danni al patrimonio della scuola;
  • prevenire e segnalare situazioni critiche, fenomeni di bullismo, di inosservanza del divieto di fumo, di cui dovessero venire a conoscenza;
  • indossare sempre un abbigliamento adeguato alla scuola.
 I genitori si impegnano a  
  • conoscere l’Offerta formativa della scuola;
  • valorizzare l’istituzione scolastica, instaurando un positivo clima di dialogo, nel rispetto delle scelte educative e didattiche condivise;
  • instaurare un dialogo costruttivo con i docenti, rispettando la loro libertà di insegnamento  e la loro competenza professionale;
  • trasmettere ai figli la convinzione che la scuola sia di fondamentale importanza per costruire il proprio futuro e la propria formazione culturale;
  • assicurare il rispetto dell’orario di ingresso a scuola, limitare le entrate o le uscite fuori orario, giustificare le assenze sul libretto;
  • garantire la costante frequenza del proprio figlio alle lezioni, informarsi sul comportamento e controllarne l’impegno nello studio, collaborare con gli insegnanti per l’attuazione di eventuali strategie di recupero e approfondimento; controllare quotidianamente il diario o il quaderno delle comunicazioni e firmare gli eventuali avvisi;
  • controllare frequentemente il libretto delle giustifiche del proprio figlio/a per garantire l’osservanza dell’obbligo scolastico;
  • impartire ai figli le regole del vivere civile, dando importanza alla buona educazione, al rispetto dell’ambiente scolastico e degli altri, cercando di prevenire qualsiasi forma di pregiudizio, di emarginazione o di bullismo;
  • vietare ai propri figli di portare a scuola apparecchi elettronici o oggetti che possono  essere di disturbo alla lezione o arrecare danno agli altri;
  • curare l’igiene dei propri figli e preoccuparsi che il loro abbigliamento sia adeguato all’ambiente;
  • rivolgersi ai Docenti e al Dirigente scolastico in presenza di problemi degli alunni;
  • collaborare al progetto  formativo partecipando, con proposte e osservazioni migliorative, a riunioni, assemblee, consigli e colloqui;
  • rispettare la privacy di alunni, famiglie e personale dell’istituzione scolastica;
  • presentare, discutere e condividere con i propri figli il Patto Educativo sottoscritto con l’Istituzione scolastica,  conoscere il  Regolamento  relativo alle norme di disciplina(di seguito riportate), con le sanzioni disciplinari previste e i criteri di attribuzione del voto di condotta.

 

Norme di Disciplina

Il genitore/affidatario, nel sottoscrivere il presente Patto, è consapevole che, come previsto dalla vigente normativa:

  • i provvedimenti disciplinari hanno finalità educativa e formativa e tendono al rafforzamento del senso di responsabilità e al ripristino dei rapporti corretti all’interno della comunità scolastica;
  • il compito educativo compete prioritariamente alla famiglia, come previsto dalla legge con la conseguente responsabilità da parte del genitore di aver impartito al figlio minore un’educazione adeguata a prevenire comportamenti illeciti (culpa in educando);
  • le infrazioni disciplinari da parte degli studenti possono dar luogo a sanzioni disciplinari;
  • nell’eventualità di danneggiamenti a cose e/o lesioni a persone la sanzione è ispirata, oltre che alle finalità educative e al rafforzamento del senso di responsabilità, al principio della riparazione del danno ed è commisurata alla gravità del danno stesso secondo un principio di gradualità;
  • i danneggiamenti ai beni comuni non attribuibili a provate responsabilità individuali dovranno essere risarciti in modo collettivo
  • il Regolamento d’Istituto disciplina le modalità d’irrogazione delle sanzioni disciplinari e d’impugnazione;
  • l’irrogazione di sanzioni disciplinari per gravi infrazioni al Regolamento d’Istituto comporta la non ammissione alla classe successiva.

 

Fonti normative

  •  D.M. n. 5843/A3 del 16 ottobre 2006 “Linee di indirizzo sulla cittadinanza democratica e legalità
  • i D.P.R. n.249 del 24/6/1998 e D.P.R. n.235 del 21/11/2007 “Regolamento recante lo Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria
  • il D.M. n.16 del 5 febbraio 2007 “Linee di indirizzo generali ed azioni a livello nazionale per la prevenzione del bullismo
  • il D.M. n.30 del 15 marzo 2007 “Linee di indirizzo ed indicazioni in materia di utilizzo di telefoni cellulari e di altri dispositivi elettronici durante l’attività didattica, irrogazione di sanzioni disciplinari, dovere di vigilanza e di corresponsabilità dei genitori e dei docenti
  • il D.L. n.137 del 1 settembre 2008 “Disposizioni urgenti in materia di Istruzione e Università
  • CM Prot n. 3602/P0 del 31/7/2008;
  • LL vi n° 62 e n° 66 del 13/04/2017 attuativi della Legge n° 107 del 13/07/2015.

 

            Il Dirigente Scolastico                                                                                                                                             Il genitore

         fto Profssa Virginia Comune

 firma autografa a mezzo stampa ai sensi

    dell’art.3, c.2 del D.L.n.39/1993